Testimonianza: Come il Nuoto mi ha Cambiato la Vita!

Come il Nuoto può Cambiare la Vita…

Prima (del nuoto)

Fino a 37 anni nessuna attività  sportiva, sovrappeso di circa 15kg. Una operazione di ernia al discospalle strette, pancetta, tendenza ad essere leggermente gobbo, maniglie sui fianchi. Consumo spesso l’interno  dei pantaloni per via delle gambe grosse che si sfregano col tessuto. Mai fumato, no alcool o altri vizi particolari. Quando mangio dolci o cibi particolarmente calorici li metto in fretta sulla pancia e fianchi. Mi ammalo di febbriciattole o raffreddori con una frequenza superiore alla moglie.

Durante (il nuoto)

A 37 anni accuso di nuovo dolori alla schiena. Vedo lo spettro di una seconda ernia. Decido di fare una cosa nuova per me: movimento. Vado in piscina. Mio livello di nuoto: so stare a galla. Tecnica assente.  Provo il dorso. La prima volta ho fatto 8 vasche da 25metri in un’ora. Si’ avete capito bene. 200 metri letterali in 60 minuti! Al termine di ogni vasca dovevo riposarmi diversi minuti. Mancanza di fiato. Inizio ad andare 2 volte alla settimana. Per i primi tre mesi non mi sembra di percepire nessun miglioramento ne’ alla schiena o in particolare alla salute.  I muscoli mi fanno male (ma malissimo solo le prime volte in assoluto)… in particolare il giorno dopo. Gradualmente aumento il numero di vasche. Mantengo costante le 2 volte alla settimana. Il dolore ai muscoli si attenua sempre di più o, se presente, scompare rapidamente. Dopo 3 mesi, la moglie per prima si accorge che la pancia , sebbene presente ha un aspetto ‘diverso’. A 6 mesi di distanza ho perso circa 5kg. Nel frattempo iniziano ad accennarsi i pettorali. O forse dovrei dire: ad alzarsi i pettorali. Non faccio diete particolari ne’ ho eccessi particolari nel cibo. Continuo a nuotare. Inizio ad alternare dorso e un po’ di rana (mi viene più naturale). Lo stile libero lo vedo irraggiungibile. Non so farlo.

Dopo un anno di frequenza la pancia sul ‘davanti’ si assottiglia sempre di più. Restano le maniglie ai fianchi sebbene meno evidenti. Nel frattempo, si va in vacanza. Andiamo al mare. Il rapporto col mare in acqua alta cambia appena faccio il mio primo bagno.  Metto la testa sott’acqua. Per la prima volta riesco a stare sott’acqua  senza dover riemergere immediatamente per respirare. Mi si e’ formato un po’ di fiato. E’ una sensazione splendida stare diverso tempo sott’acqua e poter guardare i fondali. Nuoto ogni sera per un’ora
al tramonto per tutto il periodo della vacanza.

Entro nel mio secondo anno regolare di nuoto, inizio a ‘provare’ lo stile libero. Continuo a perdere peso, e il fisico continua a cambiare.  Perdo altri 5kg. Non si può più parlare di “fisico a pera”. Le spalle si allargano, i fianchi si assottigliano.  La pancia si e’ appiattita notevolmente. La schiena non e’ più una massa informe e indistinta. Si iniziano a vedere delle ‘depressioni’ espresse dai dorsali. Il numero di febbriciattole e raffreddori tende a diminuire rispetto alla mia vecchia media.

Oggi

Ho quasi 40 anni.  Tutto continua ad avvenire sempre nello stesso modo. Nuoto in media dalle 2 alle 3 volte alla settimana. Al momento faccio circa 3000m in 65-70 minuti e continuo lentamente a progredire (partii con 200m). La moglie (15 anni di matrimonio felice) da alcuni mesi ha iniziato a “tocchicciarmi” in pubblico. Mi strizza (o palpa) il sedere, le spalle e mi mette sempre una mano sulla schiena per sentire la ‘depressione’ nel mezzo mentre camminiamo. La mia relazione sessuale ha avuto un miglioramento. Potrà sembrare banale, ma ho più fiato nei momenti  intimi.
Ho perso 11 kg da quando ho iniziato, per un totale di due taglie e sembra che continui a perderne ancora. La perdita di peso non e’ mai stata repentina ma graduale . Il guardaroba e’ cambiato. Navigo nei vecchi pantaloni (taglia 54). Ora sono una 50. Il mio peso forma dovrebbe essere intorno alla 48 secondo le classiche tabelle ma e’ irrilevante, non c’e’ fretta. Non ho più la tendenza ad essere un po’ gobbo in quanto i muscoli addominali e dorsali mi aiutano a tenere la schiena eretta. Ho una postura differente senza forzarmi a stare eretto. Relativamente alla malattie comuni,  mi ammalo meno della moglie. La tavola me la godo in modo piu’ sereno. Quando faccio qualche strappo alla regola (dolci o altro) non li metto sul fisico come prima in quanto il metabolismo si è accelerato.

E’ cambiata la motivazione per cui nuoto.  Non e’ più un motivo legato principalmente alla salute fisica ma ora e’ legato alla salute emotiva.

Riesco a bruciare le tensioni e lo stress che si accumulano quotidianamente. Ho una sensazione di benessere che si protrae per diverse ore.  La risposta che do a chi mi chiede: “ma chi te lo fa fare” e’ questa:  sono più stabile e sereno emotivamente.

Fine della Testimonianza

Per quasi metà della mia vita non ho fatto nessuna attività, ora la faccio in modo molto sereno, e voglio cogliere l’opportunità di fare movimento per la seconda metà della mia  vita.

 

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA
FACEBOOK

About the Author

By admin / Administrator, bbp_keymaster on Apr 09, 2019

No Comments

Leave a Reply