NUOTO LIBERO

Sedi in cui questo corso è attivo:
Casoria / Giugliano

Quando, per esigenza, si nuota senza istruttore consigliamo di rispettare 5 regole fondamentali:

  1. Nuotare tutto il tempo senza mai fermarsi è sbagliato.Molti valutano la propria performance natatoria in base al numero di vasche che fanno. Certo, è importante percorrere una certa distanza come “garanzia” di aver lavorato, ma non è l’unico fattore limitante. Infatti, una volta che la tecnica è abbastanza affinata non risulta difficile percorrere molti chilometri in un’ora ma il punto è: serve davvero?

In realtà dipende. E’ importante avere una base aerobica buona (quella che si fa appunto nuotando numerose vasche in un allenamento) ma questo comporta il fatto che le vasche vengano fatte sempre solo in capacità di resistenza. Non è l’unica capacità che dobbiamo allenare, il nostro corpo beneficia anche di molte altre qualità.

  1. Fare sempre le stesse cose è sbagliato se si vuole crescere; vale a dire nuotare in continuo oppure nuotare sempre a velocità costante fermandosi regolarmente oppure ripetere sempre lo stesso programma, ad esempio 10 vasche a stile, 10 vasche a dorso, ecc. La ripetizione non comporta miglioramento. Certo è meglio che rimanere sul divano ma dobbiamo sempre cercare di aumentare il livello di difficoltà!
  2. Nuotare solo nello stile che ci piace di più, non è sempre giusto: cambiare stile ci permette di allenare muscoli diversi, come in palestra allenate gruppi muscolari differenti anche a nuoto è importante variare la tecnica, purché la si conosca bene, perché se si sbaglia il rischio è di andare incontro a infortuni.
  3. Variare la velocità è meglio!Non esiste solo l’aerobico, cioè il nuoto costante. E’ bene anche percorrere distanze ad andatura media o ad andatura veloce o velocissima. Più l’andatura è veloce più le distanze devono essere corte e i riposi lunghi. Questo ci permette di allenare la capacità anaerobica e migliorare in seguito in termini di prestazione nelle distanze lunghe. Ricordate anche che avere il fiatone permette di aumentare il consumo di ossigeno… Nella pratica il nostro corpo si affatica maggiormente, ma consuma anche più calorie, anche successivamente a riposo, incrementando il  metabolismo, cosa sempre utile ai fini della forma fisica!
  4. Utilizzare gli attrezzi (palette, pinne, pull buoy, tavoletta, snorkel frontale…)  in modo appropriato. Ad esempio non è corretto allenarsi per tutto l’allenamento o quasi con un attrezzo al fine di facilitarci (esempio il pull buoy per gli uomini aiuta il galleggiamento) perché rischiamo di modificare l’assetto in acqua e di nuotare poi in modo scorretto senza attrezzo. Stessa vale per l’uso di attrezzi che invece ci rendono più difficile o dura la nuotata. Ricordate che gli attrezzi vanno sempre alternati alla nuotata senza attrezzo, in modo da applicare lo stimolo ricercato nello stile completo al fine, appunto, di ottenere un miglioramento in stile e rendimento.

 

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]